mercoledì 22 dicembre 2010

E se fossi sul Danubio blu?

Recentemente ho sognato diverse volte città allagate, come dissi qualche tempo fa, oggi ricordando uno di questi sogni ho disegnato un frammento di sogno.
Rappresenta un pianista su una città allagata nella notte dove le luci della città risplendono nell'acqua..
Qualche volta penso che mi piacerebbe andare nel futuro, ma un futuro dove l'umanità non c'è più e ha lasciato soltanto il ricordo della sua civiltà, mi ritroverei in una metropoli invasa dalla dai rampicanti, città sommerse da un'acqua limpida, costruzioni ormai ossidate  e tanto silenzio.
Rimarrei lì a vedere questo spettacolo con il solo rumore dei miei passi.


Un po' come quel pianista che sta lì, suonando una dolce melodia che nessuno ascolterà.


63/365

2 commenti:

  1. ..e invece noi la stiamo ascoltando, mentre ce la racconti.. sento già qualche nota lontana.....

    (anche a me piacerebbe fare quel viaggio nel tempo..)

    RispondiElimina